FAQ

1. Cosa fare per potersi iscrivere al Ruolo dei periti assicurativi?
Per potersi iscrivere al Ruolo dei periti assicurativi è necessario svolgere un periodo di tirocinio della durata di 24 mesi presso un perito assicurativo iscritto al Ruolo e, successivamente, superare la prova di idoneità prevista dal 3° comma dell'art. 158 del Codice delle assicurazioni private.

2. Ci sono casi di incompatibilità di iscrizione al Ruolo dei periti assicurativi?
Si. Non possono esercitare l'attività di perito assicurativo né essere iscritti al Ruolo i riparatori di veicoli e di natanti, i pubblici dipendenti con rapporto lavorativo a tempo pieno o a tempo parziale se superiore alla metà dell'orario lavorativo a tempo pieno, gli iscritti al RUI (Registro Unico degli Intermediari Assicurativi) gestito da IVASS.

3. In cosa consiste il tirocinio?
Il tirocinio è finalizzato all'acquisizione della pratica professionale inerente l'attività peritale. Il periodo di tirocinio deve svolgersi presso un perito abilitato e non può essere inferiore ai 24 mesi, anche frazionati in più periodi effettuati presso periti assicurativi diversi. Al tirocinante non è consentita la redazione autonoma di perizie, né lo svolgimento autonomo di singoli atti relativi alle perizie stesse. Nelle perizie deve essere dato atto della partecipazione all'attività da parte del tirocinante. A conclusione del tirocinio, il perito abilitato rilascia al tirocinante l'attestazione di compiuto tirocinio conforme al modello scaricabile dal sito Consap. Se il tirocinio si svolge presso più periti, ognuno rilascerà la suddetta attestazione per il periodo di pratica effettivamente svolto presso di se. Ai sensi dell'art. 7 commi 4 e 5 del Regolamento n. 1 del 23 ottobre 2015, il perito informa CONSAP dell'inizio del tirocinio da parte del tirocinante con comunicazione conforme al modello allegato 1, scaricabile da questo sito, da far pervenire tramite PEC all'indirizzo consap@pec.consap.it o con raccomandata A/R. A conclusione del tirocinio il perito rilascia in duplice copia al tirocinante l'attestazione di compiuto tirocinio conforme al modello allegato 2, scaricabile da questo sito, che lo stesso tirocinante avrà cura di inviare a Consap con le modalità sopra indicate.

4. In cosa consiste la prova di idoneità?
La prova di idoneità consiste in un esame scritto articolato su due elaborati: a) test a risposta multipla su materie tecniche e giuridiche attinenti l'attività peritale; b) redazione di una perizia su documentazione fotografica, corredata dall'illustrazione delle valutazioni e dei principi seguiti nella redazione della stessa. Indicazioni specifiche sulla prova sono comunque sempre riportate nel relativo Bando che Consap pubblica, per ogni sessione, sul sito internet.

5. Ci sono ipotesi di esonero dal tirocinio o dalla prova di idoneità?
No. Ai sensi del Codice delle Assicurazioni Private, non assumono rilievo, tanto per l'adempimento dell'obbligo di tirocinio, quanto per l'obbligo del superamento dell'esame di idoneità, eventuali titoli equipollenti.

6. Una volta superata la prova d'idoneità, quali sono le modalità per l'iscrizione al Ruolo dei periti assicurativi?
Per iscriversi al Ruolo dei periti assicurativi va inviata a Consap, a mezzo raccomandata A.R., apposita domanda in bollo, utilizzando la modulistica scaricabile dal sito internet.
Contestualmente, occorre provvedere al versamento della tassa di concessione governativa, pari attualmente ad € 168,00.

7. Qual'è il termine per la conclusione dei procedimenti di iscrizione, cancellazione o reiscrizione nel Ruolo dei periti assicurativi?
Il termine massimo previsto per la conclusione dei suddetti procedimenti è di 90 giorni decorrenti dal ricevimento delle istanze a mezzo raccomandata A/R.

8. Come si paga la tassa di concessione governativa dovuta per l'iscrizione e la reiscrizione nel Ruolo?
La tassa di concessione governativa, pari attualmente ad € 168,00, va versata all'Agenzia delle Entrate sul conto corrente postale 8003 intestato ad Agenzia delle Entrate - Centro operativo di Pescara.

9. Cosa fare nel caso di variazione delle informazioni fornite all'atto dell'iscrizione al Ruolo?
Entro 20 giorni lavorativi dal verificarsi dell'evento, il perito deve comunicare a Consap le variazioni intervenute (indirizzo di residenza o sede operativa, recapiti telefonici, email, pec, ecc.) utilizzando la modulistica scaricabile dal sito internet. La comunicazione, oltre che tramite servizio postale, può essere inviata con email a ruoloperitiassicurativi@consap.it o via fax al numero 06/85796568.

10. Cosa fare per reiscriversi nel Ruolo dei periti assicurativi, dopo essere stati cancellati per omesso pagamento del contributo di gestione?
Occorre prima regolarizzare la propria posizione contributiva e quindi presentare la documentazione di reiscrizione con apposita domanda in bollo, utilizzando la modulistica scaricabile dal sito internet. Contestualmente, occorre provvedere al versamento della tassa di concessione governativa, pari attualmente a € 168,00.

11. In caso di cancellazione dal Ruolo dei periti assicurativi con provvedimento di radiazione, è possibile reiscriversi?
Si. Il perito che sia stato cancellato dal Ruolo a seguito del provvedimento di radiazione, può richiedere di esservi iscritto nuovamente, purché siano decorsi almeno cinque anni dalla cancellazione e sussistano i requisiti di cui all'art. 158, commi 1 e 2, tra cui l'aver superato nuovamente la prova di idoneità.

12. Il perito è tenuto al pagamento del contributo?
Ai sensi dell'art. 337 del Codice delle assicurazioni private, i periti iscritti al Ruolo sono tenuti al pagamento a Consap di un contributo annuale, denominato contributo di gestione. La misura del contributo è stabilita ogni anno dal Ministero dell'economia e delle finanze con apposito Decreto.
Il contributo è dovuto dall'anno di iscrizione, se questa è avvenuta entro il 30 maggio, come stabilito dal suddetto decreto ministeriale. Gli iscritti dopo il 30 maggio sono tenuti al pagamento del contributo di gestione dall'anno successivo l'iscrizione.
Non sussistono cause di esenzione dal pagamento del contributo di gestione.

13. Quali sono le modalità e i termini per il pagamento del contributo?
I termini e le modalità per il pagamento del contributo di gestione sono stabiliti annualmente da Consap, a seguito del Decreto del Ministero dell'economia e delle finanze, con provvedimento pubblicato sul sito internet.

14. Cosa comporta il mancato pagamento del contributo di gestione?
Il mancato pagamento del contributo di gestione è causa di cancellazione dal Ruolo e comporta l'avvio della procedura di riscossione coattiva delle somme dovute tramite ruolo (Equitalia), previa diffida al pagamento inviata da Consap.

15. Come pagare i contributi arretrati inerenti alla gestione ISVAP?
Per i contributi arretrati inerenti alla gestione ISVAP (ante 1° gennaio 2013) è necessario contattare IVASS (Servizio Contabilità e Amministrazione, Sezione Contabilità e Bilancio) tramite fax al numero 06-42133212, ovvero accedere al sito https://servizi.popso.it/ivass digitando il proprio numero di iscrizione al Ruolo e il proprio codice fiscale.

16. Si può avere il rimborso di contributi versati erroneamente?
Si. Nel caso di erroneo o doppio versamento del contributo, la richiesta di rimborso deve essere inviata a ruoloperitiassicurativi@consap.it, allegando copia del bonifico effettuato e fornendo le seguenti informazioni:
a. cognome e nome
b. n° di iscrizione al Ruolo
c. IBAN
d. titolare del conto

17. La cancellazione dal Ruolo, esonera dall'obbligo di pagamento dei contributi relativi agli anni precedenti alla cancellazione?
No. I contributi di gestione relativi agli anni precedenti alla data di cancellazione restano comunque dovuti.
I periti assicurativi che vengono cancellati entro il 30 maggio non sono tenuti al pagamento del contributo riferito all'anno in cui è avvenuta la cancellazione.
I periti assicurativi che vengono cancellati dopo il 30 maggio sono tenuti al pagamento del contributo annuale per l'intero importo.

18. Cosa fare in caso di decesso del perito?
In caso di decesso gli eredi devono comunicare la data dell'evento, trasmettendo copia del certificato di morte a ruoloperitiassicurativi@consap.it o tramite fax al numero 06/85796568.
Se il decesso del perito si è verificato prima del 30 maggio, il contributo di gestione non è dovuto. Sono comunque dovuti eventuali contributi non versati per gli anni precedenti.

19. Cosa fare per essere cancellati dal Ruolo dei periti assicurativi?
Occorre presentare formale richiesta di cancellazione in bollo, utilizzando la modulistica scaricabile dal sito internet.

20. La chiusura della partita IVA nonché la comunicazione a Consap di cessazione di operatività, è sufficiente per essere cancellati automaticamente dal Ruolo e sospendere il pagamento del contributo?
No. Tali comunicazioni non comportano l'automatica cancellazione dal Ruolo dei periti.
Occorre presentare formale richiesta utilizzando la modulistica scaricabile dal sito internet.
Il contributo di gestione resta dovuto fino a quando si resta iscritti nel Ruolo, anche se inoperativi.